Intervista allo scopritore delle antiche incisioni rupestri sulle montagne della Toscana

Posted on dicembre 20, 2016

0


sani-memoriaroccia-copertina-tralerighe5

Abbiamo incontrato Giancarlo Sani autore del saggio “La memoria della Roccia” (Tra le righe editore) ovvero la prima mappa completa, che ricostruisce tutti i segni lasciati dall’uomo da migliaia di anni sulle montagne della Toscana.

 

Le rocce incise si trovano in tutte le parti del mondo. So di fare una domanda difficile ma quale può essere il perché di tutto questo, quali le motivazioni che portano l’uomo ad incidere, a lasciare questi segni sulla roccia.

Fin dai tempi della preistoria l’uomo ha sentito il bisogno di manifestare il suo essere e la percezione del mondo esterno e questo forte bisogno, si può dire con certezza, è durato fino a poco tempo fa (prima metà del secolo scorso) ora i mezzi per far questo sono logicamente evoluti e solo in alcuni parti del mondo in comunità che vivono ancora in ambito tribale la pratica di incidere o graffire la roccia continua.

E quale supporto meglio della roccia si può prestare per soddisfare questi bisogni. La roccia sembra eterna, sprigiona sicurezza, protezione, futuro, forza. Si può capire       l’animismo che spingeva ad adorarla. In molti casi al senso di sacralità della roccia si aggiunge quello della sacralità delle vette: concetto universalmente sentito (le vette delle montagne quale dimora degli dei, delle divinità).

Fino a pochi anni fa a questi segni non veniva data molta importanza da parte degli archeologi che spesso liquidavano la cosa come testimonianze recenti se non fatti addirittura da pastori, per passatempo, durante i momenti di ozio.  Ora non è più così, è stato scoperto che sulle rocce di tutto il mondo ci sono veri e propri messaggi che vogliono trasmetterci i miti delle origini, le storie del passato, le emozioni, le credenze, i riti magico religiosi, la memoria, i culti e i valori culturali di chi abitava o frequentava quelle zone.  E’nata così l’archeologia rupestre quella che da anni è la mia passione.

 

In Italia ci sono siti importanti di tutto questo? E in Toscana ci sono testimonianze significative?

Certo. Posso dire senza ombra di dubbio che nel nostro paese ci sono zone di eccezionale interesse a partire dalla Valcamonica per non parlare dell’intera catena Alpina, della Valtellina, della zona intorno al lago di Garda, dell’altopiano di Asiago e dell’Appennino Ligure. In Valcamonica nel corso di circa 8000 anni su migliaia di rocce i Camuni hanno lasciato le tracce della loro vita e delle loro credenze, una pagina di storia incredibile unica al mondo (pensate che ha oggi sono state scoperte, catalogate e studiate oltre cinquecentomila immagini e scene) Un patrimonio incredibile tanto è che l’Unesco nel 1979 ha inserito l’arte rupestre della Valcamonica (primo sito italiano) nella lista del patrimonio mondiale dell’Umanità. Da proteggere e conservare. Nelle incisioni toscane echi di tutto questo: coppelle, lame pennate, croci, simboli solari, spirali, antropomorfi, mani, giochi e orme di piedi sono le tipologie dei segni che sono stati scoperti in questi ultimi anni lungo valli poco frequentate dall’uomo moderno, lungo antichi sentieri oggi quasi scomparsi, difficili da trovare e da percorrere, lungo ripidi e impervi percorsi di cresta e su altopiani desolati.

 

So che da anni ti stai interessando all’arte rupestre della Toscana. Che cosa ci dici a riguardo.

Si è vero l’archeologia rupestre mi appassiona molto.  Da svariati anni sto portando una seria e meticolosa ricerca sulle testimonianze del passato lasciate sulle rocce, delle nostre montagne in particolare nel nord della regione, Alpi Apuane e Appennino Tosco-Emiliano. Prima rivisitando tutti i siti già conosciuti e poi esplorando zone nuove che tra l’altro ti devo dire con risultati molto promettenti. Se si guarda attentamente il territorio con un minimo di competenza saltano fuori cose importanti e di grande valore. Nel 2005 sono stato nominato coordinatore regionale del gruppo Terre Alte nell’ ambito del Comitato Scientifico del Club Alpino Italiano. Questo mi ha ancora di più motivato e mi è stato possibile pubblicare, nel 2009, il volume I Segni dell’Uomo, il primo corpus dei siti di arte rupestre della Toscana e nel 2016 il volume La Memoria della Roccia, edito da Tra Le Righe Libri, frutto di sette anni di lunghe ricerche. Ricco di foto, illustrazioni e disegni, il volume, getta uno sguardo affascinato e curioso intorno a questi enigmatici segni che gli uomini del passato ci hanno lasciato in eredità, con il loro carico di fascino e mistero. Un lavoro impegnativo reso possibile grazie a tanti amici che mi hanno aiutato nelle ricerche sul campo e inviato preziose segnalazioni.

 

Una curiosità ma come si fa a trovarle? Io non saprei da dove cominciare. Ci spieghi l’arcano.

Niente misteri. Solo una paziente ricerca. Cerco di documentarmi il più possibile con i libri di storia locale specialmente quella antica, in particolare mi interessano le tradizioni e anche le leggende (ti posso dire che alcuni ritrovamenti importanti sono stati fatti proprio inseguendo delle leggende) poi, credo, mi sia d’aiuto la mia esperienza di escursionista saper leggere le carte trovare vecchie tracce di sentieri specialmente in zone dove esiste il supporto geologico adatto. Tipo di roccia, rocce molto panoramiche o con una particolare forma e colore. Inoltre e bene conoscere se nella zona esaminata sono state fatte ricerche archeologiche in senso classico.  Logicamente questo non basterebbe se non accompagnato dalle ricerche dirette sul campo. Ad oggi ho effettuato oltre 350 uscite, di uno o più giorni, percorrendo circa 5000 chilometri di antichi sentieri e molti di essi fuori sentiero. Credo che sia stata una vera faticaccia ma i risultati raggiunti mi hanno dato ragione.

Il libro si trova nelle librerie di Empoli, alla Feltrinelli a Pistoia, alla Ubik a Lucca, a La Libreria a Castelnuovo di Garfagnana, alla libreria La Vela di Viareggio, alla Libreria Mondo Operaio di Massa, alle edicole librerie a Barga, Bagni di Lucca  e altri punti vendita oltre naturalmente in internet sul sito di IBS:

https://www.ibs.it/memoria-della-roccia-nuovi-siti-libro-giancarlo-sani/e/9788899141608

E su AMAZON:

https://www.amazon.it/memoria-roccia-incisioni-rupestri-montagne/dp/8899141606/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1481711657&sr=8-1&keywords=giancarlo+sani

Annunci