Il Premio Pascoli al Teatro dei Differenti a Barga sabato 17 ottobre

Posted on ottobre 14, 2015

0


premio-pascoli-barga-2015-manifesto

Sabato 17 ottobre alle ore 16 si svolgerà presso il Teatro dei Differenti di Barga la cerimonia di premiazione del Premio “Giovanni Pascoli – L’Ora di Barga” giunto alla Terza edizione.

L’evento patrocinato dal Comune di Barga organizzato dalla sezione di UNITRE, ProLoco, Biblioteca Comunale e Tra le righe libri, ha visto in concorso per questa edizione 38 raccolte poetiche edite di altrettanti autori e 264 opere inedite inviate da 97 poeti, di cui 14 di età inferiore ai 18 anni.

E proprio sui “nativi digitali” si è soffermata nella prefazione all’antologia che verrà presentata sabato e che raccoglie i migliori componimenti, la presidente del premio Paola Stefani: “La vera novità di quest’anno è stata la presenza nel bando del concorso di una Sezione ‘Giovani’, riservata ai minorenni.

Ragionando tra noi sul significato della poesia in un’età tecnologica come la nostra, in cui si tende sempre più ad affidare sentimenti ed emozioni ai social network o agli sms, mezzi che ci sembrano lontanissimi dalla poesia, con il loro linguaggio quasi sempre stravolto ed esasperato, ci eravamo stupiti che anche i giovani sentissero il bisogno di poesia. Ci siamo chiesti quindi se, scendendo ancora con l’età, tra i cosiddetti ‘nativi digitali’ avremmo trovato lo stesso bisogno. E così è stato.”

Saranno presenti sul palco per la premiazione l’assessore alla cultura Giovanna Stefani, Sonia Ercolini, Maria Luisa Livi, Andrea Giannasi, Maurizio Poli e la presidente del Premio Paola Stefani.

Relatori gli studiosi Sara Moscardini e Luigi Oliveto che nella sua introduzione si è soffermato sul legame tra Pascoli e Barga: “Per i poeti certi luoghi hanno più a che fare con l’anima che con la geografia. Cose e paesaggi non si limitano ad essere scena, ma divengono interlocutori, soggetti dialoganti.

Accadde questo anche per Giovanni Pascoli, allorché a Castelvecchio il poeta ritrovò una ‘collocazione’ nella vita, e alla sua vita un luogo, una terra in cui trapiantare ricordi e pensieri. Così che, quando il 20 settembre 1897, gli venne conferita solennemente la cittadinanza di Barga, probabilmente il gesto acquistò per lui significati che andarono al di là della gran pompa messa su per l’occasione.”

Il Premio Pascoli prevede, oltre alla cerimonia in Teatro, una cena conviviale e la visita guidata nella casa del poeta.

Annunci