Gli occhiali di Sara tra Auschwitz, il ghetto di Roma, Praga e una storia che una superstite non vuole dimenticare.

Posted on marzo 31, 2015

0


Prospektiva

Gli occhiali di Sara tra Auschwitz, il ghetto di Roma, Praga e una storia che una superstite non vuole dimenticare.

Il protagonista, Enrico Fontana, romano e benestante, durante un soggiorno a Praga, incontra Elisheva Kundrova, un’anziana ebrea sopravvissuta ad Auschwitz e all’Olocausto, e da lei apprende una verità sconcertante che lo riguarda. Siamo all’inizio degli anni ‘90, il muro di Berlino è appena crollato; la gente dell’Europa dell’Est vive con grandi aspettative il cambiamento, mentre nel resto d’Europa il benessere degli anni ’80 sembra cominciare a scricchiolare.
Enrico è figlio di un gerarca fascista, ucciso dai partigiani mentre cercava di raggiungere Salò e di una donna illuminata della borghesia romana, morta due anni prima. L’uomo che è alla soglia dei cinquant’anni, vive di rendita e spende la sua esistenza tra casinò, viaggi di piacere e donne come Rebecca, giovani e disponibili, che lui ripaga con prodigalità.
Elisheva e Judita, la…

View original post 321 altre parole

Annunci