Riannodano i fili, in territorio nemico, quelli di Sic e Vanni Santoni e Gregorio Magini

Posted on ottobre 8, 2013

0


Prospektiva

in-territorio-nemico-prospektiva

Ora la storia ci piace e tanto. Vuoi perché è flusso di rinascita, vuoi perché c’è Adele che in territorio nemico si muove con tenacia e passione, senza mai piegarsi alle ombre nere. Storia e storiaccia, composta da un mosaico di umanità varia alle prese con la coscienza e le idee.
Un pastone di visceri, carne, bandiere e corse giù per i campi o i dirupi o le anime di chi stava dalla parte giusta.  Tutto da ingollare, questo libro, perché non è solo un libro, bensì una cicatrice che si riapre e sapete bene che danni può fare, una cicatrice, quando si riapre.
Dicevo della storia, la grande storia che passa tra le vite dei protagonisti, che in egual misura decidono di affrontarla per farsela amica. Adele Curti,  la vedovella bianca, con le mani curate da borghesuccia, che impara la vita e a sistemare parti elettroniche per la Siemens…

View original post 672 altre parole

Annunci