Ma ai partigiani chi glielo aveva chiesto, di far tutta quella cagnara

Posted on aprile 22, 2013

0


Prospektiva

25aprile-prospektivaEra un ex e cantava una ballata. L’Endrigo Sergio negli anni sessanta, esule polesano, raccontava di quelli che andavano per boschi con due mitra e tre bombe a mano.
Quelli che “la notte solo il vento gli faceva compagnia”, architetti di imboscate, sognatori di brillamenti, cascatori di ponti, persi in albe senza sole. Cantava che “tra poco finiranno i giorni neri di paura e un mondo tutto nuovo sorgerà; per tutti l’uguaglianza e la libertà”.
E quante volte l’abbiamo sentita questa storia di uomini che andavano a consegnare mitra, barba e bombe a mano, laggiù in città, mentre la gente applaudiva gli alleati, perché quelli della montagna erano comunque genti che avevano fatto quello che altri neppure avevano immaginato. O che non potevano  o dovevano pensare di fare. Quelli si lassù avevano passato un confine di libertà assoluto.
Dunque reietti, colpevoli di essere usciti dai ranghi, che quella guerra era…

View original post 190 altre parole

Annunci