Premio Nabokov a Leocata, Minio, Chiarugi e Anichini

Posted on gennaio 29, 2013

0


nabokov

Premio Nabokov a Leocata, Minio, Chiarugi e Anichini

Grande successo per il Premio Nabokov 2012 che è stato assegnato a Mario Leocata con il romanzo “Canne  mozze”, a Giovanni Minio con la raccolta di poesie  “Variabilmente” e a  Margherita Chiarugi e Sergio Anichini con il saggio “Sono un bullo, quindi esisto”.
Targhe, diplomi e premi sono stati consegnati  a  Novoli (Lecce)  il 26  gennaio 2013, nell’ambito di “Incipit:  libri  in  primo  piano”,  evento letterario d’autore organizzato da Interrete con la collaborazione di Prospektiva e de Il Giornale letterario.
A  far   da   scenario  alla   manifestazione  il  Teatro   Comunale   in   Piazza  Regina Margherita  dove  si sono svolti gli  incontri letterari, le interviste, le presentazioni e la premiazione del concorso nazionale Nabokov. Prima della cerimonia è salito sul palco Andrea Giannasi che, intervistato da Damiano Celestini, ha parlato dei mille equivoci che avvolgono il mondo dell’editoria italiano. Dalla crisi di sistema, fino ai dati sui libri venduti, passando per i falsi problemi creati intorno alle aspettative di uno scrittore. Al termine è stata la volta del Nabokov.
La giuria tecnica, presieduta da Piergiorgio Leaci e composta da Damiano Celestini, Gianluca Pitari, Cristina Cipolloni ha decretato i vincitori delle tre sezioni: narrativa, poesia e saggistica, consegnando anche un premio d’onore.
bella e intensa la cerinomia che ha visto salire sul palco i finalisti di ogni sezione che hanno ricevuto il diploma e una copia dell’ultimo numero de Il Giornale letterario, presentando il proprio libro.
Una volta terminata questa prima parte della cerimonia si è passati alla premiazione vera e propria che ha visto trionfare nella sezione narrativa Mario Leocata, con “Canne mozze”, (Armando Curcio Editore) un romanzo dove la ‘ndrangheta diventa quotidiana scelta di vita. Secondo classificato Stefano Carnicelli con il personale viaggio alla ricerca di un padre dal titolo “Il cielo capovolto” (Prospettiva editrice).
Terza classificata Milena Magnani con “Delle volte il vento” (Kurumuny edizioni).
Per la sezione poesia ha vinto Giovanni Minio con la raccolta artistica “Variabilmente” (Pier Luigi D’Orazio Editore). Seconda Anita Piscazzi con“Mare Maje” (Campanotto editore). Terzo classificato Paolo Senni Guidotti Magnani, “SPE – Sonetti Preghiere Elegie” (Edizioni del Leone).
Molto combattuta per la grande qualità dei testi la sezione saggistica dove alla fine ha prevalso il saggio di Margherita Chiarugi e Sergio Anichini dal titolo “Sono un bullo, quindi esisto” (Franco Angeli). Secondo Luca Antonucci con una ricerca giornalistica legata a “Papa Luciani, un lampo di stupore” (Este edition). Terzo Saverio Angiulli con “Fasano e la terra di Puglia nella storia del Regno di Napoli” (BookSprint edizioni).
È stata poi assegnata la menzioni speciale per la saggistica all’Associazione Gallipoli Nostra, “Spartaco – Ventott’anni di passioni, di lotte politiche e di cultura popolare attraverso un giornale di provincia.”
Al termine è stato reso noto il nuovo bando del 2013 che prevede un montepremi di
quasi 7000 euro. Tutte le informazioni al sito http://premionabokov.wordpress.com

Annunci